Milan – Inter: storia di un derby

Milan – Inter è il derby cittadino per eccellenza, quello con più fascino, spettatori e trofei in bacheca di ogni altro derby italiano e spesso anche europeo. Dal 1909 ad oggi, contando tutti gli incontri, anche le amichevoli (se mai un derby può essere amichevole), sono quasi 300 le sfide tra rossoneri e nerazzurri: il bilancio assoluto sorride ai milanisti, che venivano per lo più dal settore popolare, quello delle partite ufficiali agli interisti, rappresentanti della borghesia.      

Alcuni numeri della sfida

La stracittadina meneghina, definita anche Derby della Madonnina per l’omonima statua situata in cima al Duomo, vanta una storia ultracentenaria: dal gennaio 1909 ad oggi infatti, innumerevoli campioni si sono succeduti in quasi 220 incontri. Non è raro tra l’altro trovare giocatori che hanno disputato e vinto queste partite con entrambe le maglie: primo fra tutti il Pepìn Giuseppe Meazza, che con 13 gol nel derby (12 per l’Inter e 1 per il Milan) si attesta al secondo posto all time, dietro solo a Schevchenko (14).

Zanetti e Maldini: simboli e capitani degli anni ’90 e 2000

Come Meazza anche Candiani, o più recentemente Seedorf e Ibrahimovic: all’inizio degli anni 2000 infatti, un Milan già superiore sul campo vinse ampiamente anche i derby sul mercato, scambiando con l’Inter giocatori di dubbio livello per futuri campioni, su tutti Andrea Pirlo. Nasce il nuovo ciclo del Milan di Ancelotti, che vincerà la Champions League 2003 e 2007: nella prima occasione, la sfida in semifinale sarà proprio contro l’Inter. In un San Siro gremito i rossoneri si aggiudicano la finale con un doppio pareggio (0-0 e 1-1, gol di Schevechenko e Martins) grazie alla regola dei gol fuori casa: l’ultimo atto sarà, vincente, contro un’altra italiana, la Juve.

Record personali e di squadra

Per una sfida con questo seguito e appeal, tutti vorrebbero avere un record di cui vantarsi, ma non sono molti a poterlo fare. Detto dei migliori goleador, citiamo anche quelli in una singola partita: per il Milan Altafini riuscì a calare un poker nel ’60, mentre nell’Inter ci sono stati diversi giocatori in grado di segnare una tripletta, con gli argentini Milito e Icardi ultimi in ordine di tempo. Ibrahimovic è stato in grado di vincere con entrambe le maglie il titolo di capocannoniere di Serie A, mentre Malatrasi vanta il record di aver vinto sia in rossonero che in nerazzurro Scudetto, Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale.

Facchetti (Inter) e Rivera (Milan): simboli e capitani anni ‘60

I recordmen di presenze sono due capitani storici: Paolo Maldini (56 apparizioni) per il Diavolo, Javier Zanetti (47) per la Beneamata. La vittoria più larga per i rossoneri è un incredibile 6-0 datato 11 maggio 2001, mentre per i nerazzurri c’è lo 0-5 del 1910: nel ’49 il match con più gol, un 6-5 per l’Inter. Sandro Mazzola, sempre per l’Inter, vanta invece il gol più veloce della storia del derby, solo 13 secondi dopo il fischio d’inizio.

Quindi… Milan o Inter?

Per questa scelta proviamo ad affidarci ancora ai numeri: la storia dice che in 219 incontri ufficiali, l’Inter si è imposta per 78 volte, contro le 75 del Milan e i 66 pareggi. Il totale assoluto, comprese coppe secondarie o amichevoli, ribalta però tutto: 111 successi rossoneri contro i 102 nerazzurri e 77 pareggi. Da che parti si guardi, Milan l’è semper on gran Milan.